Trasparenza

Vorrei esporre qui con chiarezza qual è l’ammontare della retribuzione di un assessore del Comune di Bergamo e quali sono le altre dotazioni di cui gode, dal momento che in molti me l’hanno domandato e molti altri sembrano avere le idee un po’ confuse. In calce a questa breve ricognizione troverete il vecchio post che elencava invece la situazione che ho vissuto dal 2009 al 2014, come consigliere comunale.

Come assessore percepisco uno stipendio di 2.895,52 euro, valore al lordo dell’irpef e al netto dei contributi previdenziali. In buona sostanza quei soldi diventano poco più di 2.000 euro in busta paga. Sto svolgendo il lavoro di assessore a tempo pieno e non ho più altre attività professionali in corso.

Veniamo al resto:

  • gli assessori dispongono di un pass per la propria automobile che gli consente di circolare in tutta la città, zone a traffico limitato incluse, e di parcheggiare gratis negli spazi gialli, esclusi ovviamente quelli dei disabili;
  • solo io, come assessore alla mobilità, ho una tessera di controllo del servizio che mi autorizza alla libera circolazione sui mezzi ATB in città;
  • vi è un palco del teatro Donizetti che può essere utilizzato dalla Giunta. Si tratta di un solo palchetto a rotazione (i consiglieri comunali dispongono di un altro palchetto). Se gli assessori non lo prenotano viene ovviamente venduto al pubblico  (per inciso, l’ho usato due volte);
  • è stato messo a disposizione, in comodato d’uso, un portatile (modello toshiba satellite pro di qualche anno fa), a seguito della decisione di eliminare completamente i documenti cartacei dalle attività di Consiglio. La stampa degli stessi causava costi annuali astronomici per le casse comunale, costi, in sostanza, valutati dalla Presidenza del Consiglio come decisamente superiori all’acquisto una tantum di alcuni computer del valore di 300 euro circa; ad oggi non viene più stampato nulla, salvo alcune copie del solo bilancio;
  • tutti gli assessori possono ottenere un carnet di 50 biglietti da visita personali con il logo e i dati dell’Amministrazione Comunale.

Vi ho elencato tutto questo per una questione di trasparenza verso i cittadini. I dati sono comunque pubblici ed accessibili sul sito del Comune sotto la voce trasparenza, benché in tale pagina vengano elencati solo i compensi e non le dotazioni accessorie.

————————————-

VECCHIO POST: LA TRASPARENZA DA CONSIGLIERE COMUNALE (2009-2014)

Vorrei semplicemente indicarvi l’ammontare della retribuzione di un consigliere comunale e quali sono i “benefit” di cui gode, dal momento che in molti me l’hanno domandato e molti altri sembrano avere le idee un po’ confuse. Viviamo in uno strano periodo storico. Tutti, o quasi, si lamentano della classe dirigente e ritengono che i politici siano fannulloni strapagati. Spesso però si ignorano le reali retribuzione degli stessi e circolano mail con le cifre più disparate.

Io, nel mio piccolo, vi dirò cosa succede a livello locale e vi racconterò cosa succede a me.

Un consigliere comunale di Bergamo non può evidentemente essere un politico e basta, infatti non percepisce alcuno stipendio fisso, bensì un gettone di presenza per ogni consiglio e per ogni commissione a cui partecipa. Se non partecipa non percepisce, se partecipa guadagna 81 € lordi a seduta, indipendentemente dalla durata della stessa, che diventano circa 62 € nell’accredito finale.

Non molti soldi se il consiglio dura cinque ore o più, molti soldi se dura 10 minuti, ma non dura mai così poco. Si tengono, di solito, due consigli al mese e due sedute per ogni commissione (le commissioni sono quattro). Essendo io nominato in una sola commissione, ricevo circa quattro convocazioni al mese e arrivo a percepire mediamente circa € 324 lordi mensili per l’attività di consigliere, che diventano 248 € in busta paga.
Mediamente vuol dire che possono esserci mesi più remunerati e al contempo più impegnativi, cioè con molte sedute di Consiglio (per esempio nel periodo di approvazione del bilancio), oppure mesi assolutamente vuoti (per esempio agosto) in cui lo “stipendio” è pari a zero.

State tranquilli, dunque, il vostro voto non mi ha spedito nell’Olimpo dei ricchi alle spalle dei contribuenti (mannaggia la miseria…).

Veniamo alle altre dotazioni:

  • i Consiglieri dispongono di un pass per la propria automobile che gli consente di circolare, ma non sostare, in tutta la città, zone a traffico limitato incluse, e di parcheggiare gratis solamente in alcuni spazi riservati davanti agli uffici comunali in Piazza Matteotti;
  • vi è un palco del teatro Donizetti che può essere utilizzato dai consiglieri. Si tratta di un solo palchetto per tutti e quaranta i consiglieri, usufruibile, ovviamente, a rotazione. Se i consiglieri non lo prenotano viene ovviamente venduto al pubblico  (per inciso, l’ho usato 6 volte in 3 anni);
  • da circa un anno è stato messo a disposizione, in comodato d’uso per ogni consigliere, un piccolo netbook (modello samsung N150 plus), a seguito della decisione di eliminare completamente i documenti cartacei dalle attività di Consiglio. La stampa degli stessi causava costi annuali astronomici per le casse comunale, costi, in sostanza, valutati dalla Presidenza del Consiglio come decisamente superiori all’acquisto una tantum di 40 netbook da 250 euro circa; ad oggi non viene più stampato nulla per i consiglieri, salvo alcune copie del solo bilancio;
  • tutti i consiglieri possono ottenere un carnet di 50 biglietti da visita personali con il logo e i dati dell’Amministrazione Comunale.

Vi ho elencato tutto questo per una questione di trasparenza verso i cittadini (i dati sono comunque pubblici ed accessibili sul sito del Comune sotto la voce trasparenza, benché in tale pagina vengano elencati solo i compensi e non i benefit. (http://www.comune.bergamo.it/servizi/menu/dinamica.aspx?id=1196).

 

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*